Avviso: in fase di emergenza sanitaria da coronavirus i servizi offerti presso le biblioteche vengono erogati secondo le disposizioni vigenti. Informiamo che alcune sedi potrebbero non risultare disponibili per il ritiro e parte del materiale in catalogo potrebbe apparire escluso dal prestito. Per maggiori info: www.cubinrete.it.

Come è potuto accadere che lo slogan femminista "il corpo è mio e lo gestisco io" si sia ribaltato in una forma di schiavitù volontaria? Una lettera appassionata e delicata sull'adolescenza, la scoperta del corpo, del sesso e della libertà. Senza moralismo, con rispetto e amore. Una donna di 87 anni, ex partigiana, scrive una lunga lettera a una ragazza di 14 anni incontrata in un parco. Una lettera sulla libertà, la bellezza e la dignità delle donne. L'autrice racconta la guerra partigiana, la propria anoressia, i rapporti tra ragazzi e ragazze in montagna, e il senso di pericolo e futuro da cui tutti si sentivano uniti. Il ricordo della lotta di liberazione delle donne si contrappone, così, al disagio di vedere che, oggi, per molte ragazze, libertà significa libertà di mettere all'incasso la propria bellezza.

Biblioteca Collocazione Inventario Disponibilità    
Biblioteca di Agrate Brianza 305.420 945 OMB 64359 Disponibile  
Biblioteca di Bernareggio 305.420 945 OMB 29875 Disponibile  
Biblioteca di Gorgonzola 940.54 OMB 79525 Disponibile  
Biblioteca di Milano Due 940.54 OMB 15182 Disponibile  
Biblioteca di Pessano con Bornago 940.54 OMB 20984 Disponibile  
Biblioteca di San Donato Milanese SAG 305 420OMB 61441 Disponibile  
Biblioteca di Segrate 940.54 OMB 58726 Disponibile